Prosegue la STAGIONE CONCERTISTICA 2018 del Conservatorio di Palermo mercoledì prossimo 11 aprile alle ore 21:00 all'Oratorio di Santa Cita:
Le Cantate da camera di Alessandro Scarlatti (1660 – 1725) e Emanuele Rincon d'Astorga (1680 -1757) (contenute nel “Fondo Pisani” della Biblioteca del Conservatorio)
.

È un appuntamento da non perdere, dedicato in particolare agli appassionati della musica barocca, un’importante occasione d’ascolto del vasto e ricco repertorio della biblioteca del Conservatorio di Palermo.  Per la Stagione concertistica 2018, mercoledì prossimo 11 aprile alle 21, all’Oratorio di Santa Cita, saranno eseguite le Cantate da camera di due grandi autori siciliani: Alessandro Scarlatti (1660 – 1725) e di Emanuele Rincon d'Astorga (1680 -1757). Da segnalare anche gli interpreti Luca Dordolo, tenore, Andrea Fossà, violoncello barocco, Basilio Timpanaro, clavicembalo, tutti docenti al Conservatorio di Palermo rispettivamente di Canto Barocco, Clavicembalo e Musica d'Insieme per strumenti antichi. Ciascuno di loro vanta un prestigioso curriculum ricco di concerti, registrazioni discografiche, rappresentazioni di opere e collaborazioni con ensemble di caratura internazionale nell'ambito della musica antica.

Luca Dordolo, tenore
Andrea Fossà, violoncello barocco
Basilio Timpanaro, clavicembalo

(Ingresso libero fino ad esaurimento posti)

«La cantata da camera praticamente morrebbe con lui se l'avventuroso Astorga non continuasse a correr l'Europa tenendo in vita, lui aristocratico, la più aristocratica delle forme d'arte di quel tempo.» Cosi Roberto Pagano, nella sua fondamentale biografia di Alessandro Scarlatti (ERI 1972), si esprime a proposito di Emanuele Rincon, barone d'Astorga, aggiungendo: «[...] è sin troppo facile vedere nelle geniali e ricercatissime cantate del barone siciliano la prova di suoi rapporti - diretti o mediati - con Alessandro. Geminiani e Hasse, che di Scarlatti furono effettivamente allievi, non scrissero musica altrettanto segnata dall'impronta inconfondibile dello stile di Alessandro; l'influenza che questi esercito su Astorga, invece, apparve chiarissima già ai pionieri della musicografia settecentesca e l'originale condotta armonica dei recitativi accomuna i due musicisti nel biasimo dei pedanti o nell' elogio dei critici più illuminati.»
Queste considerazioni, insieme alla fortunata circostanza che proprio le composizioni dei due autori costituiscono il nucleo fondamentale del “Fondo Pisani”, importante corpus di cantate settecentesche, custodito presso la Biblioteca del Conservatorio di Palermo, ci hanno indotto a presentare insieme in concerto le cantate di d'Astorga e del suo “ideale” maestro (reale maestro pare sia stato Francesco Scarlatti, fratello del più famoso Alessandro). Se Scarlatti è, infatti, universalmente considerato non solo il creatore ma anche colui che porta la Cantata al massimo grado di perfezione stilistica ed espressiva, Emanuele Rincon barone d'Astorga, di vent'anni più giovane, è uno degli ultimi compositori a dedicarsi principalmente a questa forma, nella quale raggiunse un così alto livello artistico da poter essere considerato degno erede di Scarlatti, al cui fianco sicuramente non sfigura. 

PROGRAMMA

E. R. d'Astorga : Da te lungi qual martire
A.Scarlatti : In bel sonno profondo amor dormia

A.Scarlatti: Sonata No.1 in re minore, per violoncello e b.c.: Largo/Allegro/Largo/A tempo giusto 

A.Scarlatti: Nel mar che bagna 
E. R. d'Astorga: Filli che ascondi dentro al tuo bel seno

A.Scarlatti: Variazioni sulla "Follia di Spagna", per clavicembalo

E. R. d'Astorga: Venticel che sussurrando
A.Scarlatti: Là dove a Mergellina
 

Back to top