Salvatore Bonafede, pianista e compositore, è nato a Palermo nel 1962: inizia lo studio del pianoforte a otto anni e nel 1989 si diploma presso il Berklee College of Music di Boston. Tra il 1974 e il 1978 partecipa alle trasmissioni televisive “Sapere: il jazz in Italia”, “Chitarra e fagotto” e “Di jazz in jazz” dove suona con il proprio gruppo e con l’orchestra della RAI di Milano.

Trasferitosi negli Stati Uniti nel 1986 comincia a collaborare stabilmente con Jerry Bergonzi con il quale compie due tournée in Australia e un seminario di jazz presso la Harvard University; contemporaneamente Bonafede fa parte dell’orchestra jazz della Brandeis University esibendosi nel circuito universitario del New England.

Nel 1989 si trasferisce a New York dove inizia l’attività di capogruppo; suona anche con la Vanguard Jazz Orchestra, Lew Tabackin, Dewey Redman e si esibisce alla Town Hall. Nel 1990 incide per l’etichetta giapponese Ken Music il suo primo lavoro come capogruppo e compositore, Actor-Actress, a capo di un quartetto con Joe Lovano, Cameron Brown e Adam Nussbaum. L’anno successivo, sempre per la stessa etichetta, una seconda registrazione lo vede impegnato con Marc Johnson e Paul Motian.

Trasferitosi in Italia Bonafede compie una lunga tournée europea (1997) e una italiana (2003) a fianco di Joe Lovano, partecipa allo spettacolo “Sinfonia dei due mondi” del regista Jérôme Savary e alle trasmissioni radiofoniche nazionali “Invenzioni a due voci”, “Jazz Club” e “I concerti del Quirinale”.

Collabora come compositore per teatro (Biennale di Venezia, Stagione del Teatro Biondo) e cinema con i registi Daniele Ciprì e Franco Maresco (Gran Premio Città di Lagonegro per la migliore colonna sonora, B.A.FilmFestival Premio per la miglior colonna sonora, David di Donatello, candidatura per la Migliore Musica ai Nastri d’Argento).

Nel 2004 viene pubblicato l’album Journey to Donnafugata, rifacimento delle musiche rotiane del film “Il Gattopardo”, comprendente Enrico Rava, John Abercrombie e Ralph Towner.

Con Joe Lovano si esibisce a New York alla Town Hall per la manifestazione “The 2005 Nightlife Awards” e dal 2010 entra a far parte del suo Europa Quartet. Contemporaneamente incide due album interamente dedicati alle sue origini, Sicilian Opening e Itinerari Siciliani.

Viene riconosciuto quale miglior nuovo talento nell’ambito del referendum “Top Jazz” (1991) indetto annualmente dalla rivista specializzata Musica Jazz e premiato per il migliore disco dell’anno (Ortodoxa, Red Records) dal quotidiano Il Foglio (2001) e da Musica Jazz (“Premio Arrigo Polillo” 2001). Il giornalista Enzo Siciliano ha scritto: “Appunto, è il melodismo ironico, sapiente di Rota, che Bonafede rigoverna in disincantato swing, a far presa in Ortodoxa, esempio ottimo di jazz italiano, la melodia impigliata a un’indagine sempre inventiva delle sonorità strumentali”.

È docente al Conservatorio “Vincenzo Bellini” di Palermo e autore del testo didattico Grande dizionario degli accordi in tutte le tonalità edito da Volontè & Co.. Ha composto circa 500 brani dei quali 100 sono stati registrati e ha pubblicato 70 album di cui 15 a proprio nome. Alcune sue composizioni sono state incluse nel “Real Easy Book vol.3” e nel “European Real Book” pubblicati dalla Sher Music.

Back to top